Come affrontare la dislessia nei bambini

Crescita e sviluppo

La dislessia dei bambini non è una malattia ma il sintomo di un diverso funzionamento del cervello: oggi sappiamo come combatterla al meglio

La dislessia dei bambini non c’entra con l’intelligenza

La dislessia è un disturbo dell’apprendimento: la sua principale manifestazione consiste in una  difficoltà a leggere ad alta voce in modo rapido e corretto. Ciò non ha nulla a che vedere con l’intelligenza o l’istruzione, ma deriva da un differente funzionamento di alcune zone del cervello. Per questo è importante la diagnosi precoce di uno specialista: la pedagogia contemporanea è in grado oggi di fornire ai bambini affetti da dislessia gli strumenti giusti per apprendere quanto gli altri bambini.

Caratteristiche della dislessia

Chi soffre di dislessia presenta sintomi tipici, anche se non necessariamente presenti tutti assieme. Vediamo i più frequenti.
– Non riesce a discriminare lettere simili; confonde la m con la n; la c con la e; la f con la t.
– È in difficoltà nel distinguere lettere uguali o simili, ma diversamente orientati. Ad esempio, confonde la “p” e la “b”; la “d” e la “q”;
– Fatica a distinguere lettere con un suono simile (F e V, T e D, P e B, C e G…)
– Chi soffre di dislessia omette la lettura di parti della parola, sia singole lettere che sillabe; ad esempio può leggere “giuta ” anziché “giunta”, ma anche “talo” al posto di “tavolo”. In alcuni casi vengono invertite le lettere: così “rotola” diventa “rolota”.

Quando si riconosce la dislessia nei bambini

Come altri disturbi spedifici di apprendimento, la dislessia può  essere diagnosticata con certezza intorno alla seconda elementare, ma già prima ci possono essere alcuni campanelli di allarme che possono insinuare un dubbio. La diagnosi viene fatta attraverso dei test da specialisti quali lo psicologo o il neuropsichiatra infantile. Il trattamento se necessario sarà eseguito da una logopedista / pedagogista

Le prime cose da non fare con i bambini che soffrono di dislessia (per i genitori ma soprattutto per gli insegnanti)

– Far leggere i bambini a voce alta;

– correggere tutti gli errori nei testi scritti;

– dare liste di parole da imparare;

– farli copiare dalla lavagna;

– farli ricopiare il lavoro già svolto, perché scorretto o disordinato;

– paragonarli ad altri.

La scuola non è più “nemica” dei bambini affetti da dislessia

Oggi i bambini colpiti da dislessia con il giusto sostegno, concludono senza problemi l’iter scolastico, fino ai livelli più alti dell’università. Esistono molti strumenti a disposizione degli insegnanti per aiutare i bambini affetti da dislessia durante il percorso scolastico, compresi i momenti di valutazione finale come gli esami. Il programma tradizionale viene sostituito con un programma ad hoc che aggira le difficoltà a leggere e a scrivere. I bambini affetti da dislessia possono essere dispensati da attività come la lettura a voce alta, la scrittura veloce sotto dettatura o lo studio mnemonico di tabelline e coniugazioni verbali. Queste sono sostituite con interrogazioni programmate, compiti a casa in misura ridotta, possibilità di usare testi più brevi non per contenuto, ma per quantità di pagine.

I primi passi da compiere per affrontare la dislessia dei bambini

Quando sappiamo con certezza che nostro figlio è affetto da dislessia, non abbattiamoci; per aiutarlo al meglio cominciamo da questi piccoli suggerimenti.

Dire la verità

Spiegare ai bambini, con parole semplici, di quale disturbo soffrono è il primo passo per non averne più paura. Serve a rassicurarli che stiamo facendo molto per affrontare la situazione e superarla.

Leggere le storie a voce alta

La dislessia è un disturbo che coinvolge la capacità di lettura; quindi la prima cura può essere imparare ad amare la lettura, leggendo a voci alterne con mamma o papà. Non solo testi scolastici, ma soprattutto fiabe e racconti. Anche leggere silenziosamente, nella mente, aiuterà i bambini affetti da dislessia ad arricchire il vocabolario.

Stimolare la loro curiosità

Creiamo un buon dialogo che includa sempre le risposte dei bambini: chi soffre di dislessia ha molta paura di sbagliare. Abituiamoli a esprimere un parere su ciò che succede nel mondo intorno a noi.

Proporre giochi di gruppo

Giochiamo con i bambini affetti da dislessia è quanto mai utile: perfetti gli scacchi, Monopoli, Memory, i giochi di carte, Shanghai. Sono utili per stimolare col gioco la concentrazione e l’apprendimento, rinforzare la memoria, esercitare la manualità.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: