Cos’è l’autismo?

 

I disturbi dello spettro autistico vanno da individui con ritardo mentale molto grave, con svantaggi sociali come uno dei disturbi più gravi, fino a persone altamente intelligenti e capaci e con disturbi sociali lievi (Wing, 1991). I quadri clinici dell’autismo e dei disturbi relativi dipendono dalla combinazione di diversi svantaggi, che possono variare in gravità indipendentemente gli uni dagli altri, e che interagiscono per produrre diversi comportamenti manifesti.

I bambini con autismo dimostrano un deficit di comunicazione che può comprendere l’assenza della lingua parlata, insieme ad un fuoco o intensità atipica di interessi e modelli ripetitivi di comportamento. Può anche sussistere un deficit nello sviluppo di alcune capacità, particolarmente nell’area della comprensione del discorso complesso di più alto livello, che come conseguenza, può incidere sulla capacità di comprensione della lettura. Alcuni studenti con autismo dimostrano iperlessia, una capacità precoce per decodificare parole con una relativamente bassa capacità per comprendere il significato di quel che si legge. La presenza della iperlessia può complicare la capacità di lettura degli studenti, perché la loro forte capacità di “lettura” di parole può mascherare il deficit nella capacità di comprensione dei contenuti.

L’autismo, una forma breve e semplificala per denominare i “disturbi o patimenti di tipo autistico” può manifestarsi a scuola in molti modi. Per esempio, i ragazzi altamente funzionali con svantaggi di spettro autistico, spesso manifestano uno sviluppo inferiore delle abilità cognitive, ma sono relativamente forti nell’elaborazione dell’informazione visiva, e anche scritta. Così, questi bambini possono manifestare qualche consistenza nel rispondere in forma scritta alle domande orali. Anche i ragazzi più svegli e intelligenti con queste limitazioni, spesso hanno problemi per rispondere ad informazione verbale presentata in forma veloce, difficoltà per comprendere i comandi compositi di più passi, attenzione inconsistente e per la comprensione dell’informazione verbale, il che può richiedere che questa venga ripetuta più volte prima che sia elaborata.

A volte i problemi si combinano, perché gli studenti con autismo tipicamente hanno difficoltà per ovviare le distrazioni, per concludere i compiti con indipendenza, e per iniziare le attività. Allo stesso modo, le transizioni possono essere difficili per gli studenti con tratti autistici. Questi studenti hanno difficoltà per fermare un’attività ed iniziare un’altra, difficoltà per essere flessibili, e difficoltà per alternare l’attenzione (Autism Society of America, 2005).

 

Le tre aree principali di difficoltà che tutte le persone con autismo condividono, sono conosciute normalmente come la triade autistica. Queste sono:

  • Alterazione e compromissione della qualità dell’interazione sociale, difficoltà col linguaggio e/o con la comunicazione non verbale. 
  • Disturbo dell’intersoggettività, difficoltà con l’interazione sociale.
  • Difficoltà con l’immaginazione sociale, mancanza di flessibilità, di pensiero e d’immaginazione. Modelli di comportamento e interessi limitati, stereotipati e ripetitivi.

Sulla base di queste premesse, è facili capire che la persona autistica patisce anche deficit di attenzione, e difficoltà e disabilità dell’apprendimento, soltanto per menzionare quelle più relazionate col processo dell’istruzione/apprendimento.

Il Sindrome de Asperger e l’Autismo Altamente Funzionale

Dallo spettro autistico, si distinguono chiaramente, anche se non si differenziano troppo tra di loro: il Sindrome di Asperger e l’Autismo Altamente Funzionale.

Una diagnosi di AAF e una di SA, possono essere fatte alla stessa persona in diversi stadi di sviluppo. Occasionalmente, a un bambino è stato diagnosticato l’autismo altamente funzionale ad un’età precoce della sua infanzia e dopo, questa diagnostica è stata cambiata in Sindrome di Asperger, quando inizia la scuola. Alcuni specialisti hanno chiarezza sul fatto che non è possibile diagnosticare il SA prima che il bambino inizi la scuola. In ogni modo, questo è dovuto principalmente a che alcune aree possono non rivelarsi finché il bambino frequenti per tempo sufficiente gli ambienti sociali.

Il Sindrome di Asperger è una condizione congenita di natura neurobiologica che colpisce circa il 0.25% della popolazione. Le persone affette dal SA sono d’intelligenza media o superiore, con alcuni doti naturali poco comuni e sviluppata creatività. A livello diagnostico è conosciuto in Europa sin dagli anni ’40 ma è stato incluso nei manuali di diagnostica in America soltanto dagli anni ’90. Così, tanti adulti e bambini sono rimasti senza diagnosticare. In conseguenza, il SA è relativamente sconosciuto e non molto chiaramente capito, anche tra i professionisti.

Spesso, alle persone affette dal Sindrome di Asperger viene per errore diagnosticato il DDA (Disturbo da Deficit di Attenzione) e spesso la dislessia. O semplicemente questi disturbi convivono effettivamente nella stessa persona.

Per sintetizzare:

  • Le persona con AAF e SA sono affette dalla triade autistica, comune a tutte le persone con autismo.
  • Entrambi i gruppi tendono ad essere di intelligenza media o superiore.
  • Si dibatte ancora se è necessario disporre di due criteri di diagnostica.
  • Comunque, possono esserci delle caratteristiche tali come l’età d’inizio e i deficit delle capacità motorie, che differenziano le due condizioni.

Anche se può essere frustrante ricevere una diagnosi che deva ancora essere chiaramente definita, è valido ricordare che la presentazione fondamentale delle due condizioni è ampiamente la stessa. Questo significa che trattamenti, terapie e approcci educativi/istruttivi dovrebbero essere in grande misura similari. Nello stesso tempo, ogni persona con autismo o SA è unica (lo stesso che avviene con i dislessici, DDA, ecc.) e hanno le loro proprie abilità e capacita. Queste abilità e capacità meritano di essere considerate tanto quanto le aree nelle quali hanno difficoltà.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: